A Palermo, si sa, l’estate non è mai una passeggiata. Soprattutto non è una passeggiata fresca, vista la temperatura media di almeno 30 gradi. Questa stagione estiva, però, non sarà mai rovente quanto il vento che tira dalle parti del centro sportivo del Palermo calcio, dove è in atto una vera e propria bufera. La squadra, infatti, è rimasta senza presidente, dopo le dimissioni di Baccaglini e del consiglio di maggioranza (“L’U.S. Città di Palermo comunica che ieri, giorno 3/7/17, la maggioranza del CDA ha rassegnato le dimissioni. Pertanto l’intero consiglio ed il presidente sono decaduti dalle loro cariche. Dopo 10 giorni dal 3/7/17 verrà nominato il nuovo consiglio e designate le cariche di presidente e consiglieri delegati. La gestione provvisoria attuale è affidata all’attuale consigliere delegato”), e la patata bollente è passata nuovamente nelle mani di Zamparini.

baccaglini

La situazione è ancora poco chiara e probabilmente rimarrà tale vista l’impossibilità di pubblicare le cifre reali dell’offerta di Baccaglini per rilevare la società. Ovviamente entrambe le fazioni tirano acqua al proprio mulino e nel calderone si mischia di tutto e di più.

Baccaglini assicura di aver presentato una proposta importante, con tutte le premesse per un progetto vincente: “Ho chiamato a raccolta quelli che reputo tra i migliori professionisti per strutturare un progetto che potesse essere sostenibile e di crescita per il futuro della società. Ho sempre parlato dell’opportunità di acquistare il Palermo come un investimento e come tale deve quadrare anche a livello numerico. Il risultato di questo intenso lavoro è un’offerta che a nostro giudizio poteva soddisfare tutte le parti interessate con le doverose garanzie di pagamento, tenendo chiaramente gli interessi della squadra al primo posto, com’è giusto che sia”.  

zamparini

Di contro, Zamparini rilancia capovolgendo il quadro delineato dall’ex inviato de Le Iene: “Non ha mantenuto i patti, ora si dimetta. Ho ricevuto un’offerta ridicola”, ha detto il proprietario del Palermo.

Tra i due litiganti, purtroppo non gode nessuno. Anzi. La città soffre, costretta a un’inerzia su cui non ha alcun potere.

Avete giocato abbastanza con il nostro cuore, lo avete preso a calci, calpestato e ferito, non volevamo crederci che sareste arrivati a tanto! Avete oltrepassato i limiti!

 

Questo il messaggio della Curva Nord indirizzato ai protagonisti della vicenda.

curva palermo

Senza closing e con la retrocessione appena incassata, per i tifosi rosanero si prospetta non solo un’estate di fuoco ma un’intera stagione di passione.

In attesa di nuovi possibili acquirenti, comunque, sarà Zamparini a gestire la società.

SIMILAR ARTICLES

0 12