A volte ritornano alla ribalta, e non per forza sul campo. O almeno, non ancora. Il calciomercato, infatti, fa salire agli onori della cronaca anche chi è in ombra da un po’, senza successi o prime pagine di giornali. È il caso di Gerard Deulofeu, che dopo l’esperienza al Milan e qualche mese senza lode al Barcellona, è sulla bocca di tutti, pronto a cambiare squadra già a gennaio.

Dove andrà? Il suo profilo fa gola a tanti in Italia. La sua stagione al Milan, con 17 presenze, 4 gol, e un’ottima impressione generale, ha lasciato bei ricordi, e la giovane età (classe ’94) fa il resto. Napoli, Inter, Roma e addirittura anche Milan lo hanno inserito nella lista della spesa per un eventuale assalto nel mese in corso. L’unica certezza, infatti, è che il Barcellona non lo vuole più, pronto a scaricarlo serenamente al miglior offerente.

Il nodo, però, è proprio questo, il costo. Perché i blaugrana valutano lo spagnolo circa 15 milioni di euro, e sono disposti a cederlo in prestito con obbligo di riscatto. Una formula, quella dell’obbligo, che frena in un colpo solo sia Inter e Roma, impossibilitate ad andare oltre un diritto di riscatto. Eppure, i giallorossi ne avrebbero un gran bisogno, essendo alla ricerca di qualcuno in grado di far dimenticare Salah. A Roma credevano di esserci riusciti con Defrel e Schick, ma le ultime gare hanno evidenziato un vuoto nel ruolo di esterno offensivo.

Resta in piedi anche l’ipotesi Napoli, soprattutto nel caso in cui saltasse l’affare Verdi. Più difficile, invece, il ritorno in rossonero, anche se al giocatore non dispiacerebbe l’idea. Ma lipotesi al momento è da scartare perché nonostante Gattuso sia tornato al 4-3-3 e ci sia bisogno di un rinforzo sull’esterno d’attacco, la nuova proprietà del Milan non è interessata a lui.

Attenzione, sullo sfondo, al Siviglia, dove Deulofeu ritroverebbe Montella, il tecnico che lo ha maggiormente valorizzato aprendogli in qualche modo le porte della nazionale spagnola.

E il punto è proprio questo, la Nazionale. Nazionale che Deulofeu vuole riconquistare per i Mondiali. Per questo l’addio al Barça è scontato, resta solo da capire chi avrà più piacere ad accoglierlo.

SIMILAR ARTICLES

0 65