Top11 grandi firme questa settimana. Si parte dai due rigori parati da Marchetti e si prosegue con gli addii con gol dell’atalantino Bellini e del veronese Toni, passando per le super-prestazioni del genoano Suso e dell’interista Perisic e concludendo con il record di Higuain e un Pavoletti che meriterebbe una chance all’Europeo.

Se Marchetti va nella Top11 perché ha parato due rigori è evidente che di contro debba esserci qualcuno che va nei Flop perché quei tiri dal dischetto li ha sbagliati: si tratta di Mbakogu del Carpi, che ormai è diventato una presenza fissa della classifica dei peggiori. Molto male anche la Sampdoria e il Torino.

 

topTop

Gonzalo Higuain (Napoli)

Raggiunge Angelillo nella storia della serie A a quota 33 gol e mette Nordhal nel mirino due lunghezze più in là. Goleador implacabile e principale artefice della stagione del Napoli. Anche contro il Torino segna subito un gol, colpisce un palo e costringe Padelli agli straordinari.


Suso (Genoa)

Altro “miracolo” di Gasperini. La possibilità che il tecnico del Genoa riuscisse a far emergere le sue qualità non era neanche quotata e il risultato è sotto gli occhi di tutti. L’ex di Liverpool e Milan in 19 presenze mette insieme 6 gol e un assist, oltre alla consapevolezza di poter giocare ad alti livelli. È l’eroe del derby della Lanterna.


Federico Marchetti (Lazio)

Una doppietta alla voce rigori parati, nella stessa partita e allo stesso giocatore, non è situazione consueta. Il numero 1 della Lazio ci riesce ipnotizzando Mbakogu del Carpi e regala a Inzaghi un’altra vittoria che avvicina il tecnico alla conferma per la prossima stagione.


flopFlop

Jerry Mbakogu (Carpi)

Se il Carpi finirà di nuovo in B gran parte delle colpe dovranno essere accreditate all’attaccante nigeriano: 1700 minuti giocati in 24 partite e la miseria di 2 gol, il secondo ieri inutile con la Lazio già sullo 0-3 dopo che lui aveva sbagliato due rigori. Il primo, sullo 0-0, poteva anche starci, ma perché fargli tirare pure il secondo?


Dodò (Sampdoria)

Sulla corsia destra il Genoa costruisce i primi due gol nel trionfo del derby e il laterale brasiliano in prestito dall’Inter ha le colpe principali perché non riesce mai a tenere Ansaldi e Suso. Dopo un girone di ritorno giocato su discreti livelli, una sola parola dopo questa gara: disastro.


Amadou Diawara (Bologna)

Ha fatto una grande stagione d’esordio in Serie A ma chiude in negativo, prendendosi due cartellini gialli in nemmeno un quarto d’ora. Troppo nervoso in una partita che non doveva affatto rappresentare un problema.

 

Di seguito tutti i giocatori che in questa giornata si sono fatti notare, nel bene e nel male!

SIMILAR ARTICLES

0 184
Le coreografie di Lazio e Roma per il derby d'andata della Serie A 2014-2015.

0 84