Difesa inedita per il Top11 di questa settimana, con Peluso e De Silvestri alla prima convocazione, ma attacco grandi firme, nel quale rientra Stevan Jovetic. A centrocampo ce n’è per tutti i gusti: fantasia e geometrie.

Anche nella Flop11 sono presenti grandi nomi, tanto che c’è persino un rappresentante della Juventus come Bonucci, colpevole sul gol della Fiorentina, seppur si tratti di una presenza indolore visto che i bianconeri hanno lo stesso festeggiato lo scudetto. Paga più di tutti il Milan, per l’imbarazzante prova contro il Verona retrocesso.

 

topTop

Gianluigi Buffon (Juventus)

Chiude la stagione in formato deluxe. Non solo il record di imbattibilità della serie A e la porta meno perforata del campionato (18 reti al passivo), ma anche il merito di aver contribuito alla vittoria dello scudetto anche con un rigore parato che ha blindato il successo sulla Fiorentina.


Radja Nainggolan (Roma)

Si è confermato uno dei centrocampisti più forti del nostro campionato. È l’unico vero insostituibile della Roma e con il suo gol al Napoli avvicina i giallorossi alla possibile qualificazione diretta in Champions League.


Stevan Jovetic (Inter)

Dopo l’inizio lanciato, una lunga fase di buio, dalla quale si è scosso (decisamente tardi) in occasione della vittoria sull’Udinese. La sua doppietta consente ai nerazzurri di blindare la quarta posizione in chiave Europe League. Meglio di niente…


flopFlop

Carlos Bacca (Milan)

Prestazione ai limiti della decenza contro il Verona all’ultimo giorno di permanenza in Serie A. Gli capita la palla per segnare solo davanti a Gollini ma ancora una volta tenta un’improbabile rabona, che in stagione una volta gli è riuscita ma tutte le altre no. Stavolta non ha nemmeno l’alibi dell’incompatibilità con Balotelli.


Nikola Kalinic (Fiorentina)

Avrà pure segnato, peraltro sfruttando una disattenzione di Bonucci, ma poi? Si procura un rigore con un’evidente simulazione (Tagliavento ci casca in pieno, non è la prima volta che si butta e andrebbe squalificato), pretende di tirarlo e se lo fa parare da Buffon. Non contento all’ultimo minuto prende la traversa da pochi centimetri. In evidente calo nel 2016 e la Fiorentina ne ha risentito.


Leonardo Bonucci (Juventus)

Forse un calo di concentrazione per l’imminente festa scudetto, ma l’errore in occasione del momentaneo pareggio della Fiorentina è piuttosto grave. Per sua fortuna Morata due minuti dopo rimette le cose a posto e Nainggolan il giorno dopo completa l’opera.

 

Di seguito tutti i giocatori che in questa giornata si sono fatti notare, nel bene e nel male!

SIMILAR ARTICLES