La 24ª giornata porta in dote alcune sorprese tra i Top e diverse, purtroppo per loro, conferme tra i Flop: primo fra tutti quel Felipe Melo richiesto espressamente da Mancini, ma che il tecnico jesino non riesce a gestire, complice il caratteraccio del brasiliano. Per fortuna dell’Inter c’è Perisic che dà una mano ai nerazzurri nel raddrizzare una gara contro un Verona nel quale brilla la prestazione di Luca Marrone, appena arrivato dal mercato e autore dei 3 assist per i gol veneti.

 

topTop

Ivan Perisic (Inter)

Un tempo per cambiare il volto dell’Inter e contribuire in maniera sostanziale alla rimonta sul Verona con l’assist per il 3-2 di Icardi e il gol del 3-3. Il corteggiamento estivo di Mancini sta cominciando a produrre i suoi frutti, il croato è sempre più integrato nel nostro calcio.


Gianluigi Donnarumma (Milan)

Dopo la prestazione parecchio negativa con l’Empoli alla 22a giornata, si è riscattato mantenendo inviolata la porta contro Inter e Palermo ed è stato decisivo contro l’Udinese. Quasi miracoloso nelle due respinte che hanno preceduto il gol di Armero. Il ragazzo si farà ed è già una realtà di questa A.


Luca Marrone (Verona)

È quasi all’ultima chiamata utile per dimostrare di essere all’altezza della serie A scacciando la serie incredibile di infortuni che lo ha condizionato nelle ultime stagioni (prima al Sassuolo, poi al Carpi). Oggi ha fatto vedere a pieno tutte le qualità di un piede educatissimo pennellando i tre assist per le reti veronesi. Da record.


flopFlop

Felipe Melo (Inter)

Col passare delle giornate sta sempre più venendo fuori il suo lato peggiore. Suo il fallo che porta al 2-1, sempre nervoso e col cartellino dietro l’angolo, che arriva al 31′; nel quarto d’ora finale rischia poi anche il secondo. Mancini lo lascia negli spogliatoi per disperazione, buon per l’Inter che a Firenze sarà squalificato.


Mati Fernandez (Fiorentina)

Con la Fiorentina in grossa difficoltà si permette il lusso di prendere due ammonizioni incredibilmente ingenue in una manciata di minuti che lasciano i suoi in dieci per più di mezz’ora.


Matias Silvestre (Sampdoria)

20″ alla fine del primo tempo, punizione per la Sampdoria sulla trequarti avversaria: la Roma riparte in contropiede con Florenzi che fa l’1-0, mentre il difensore argentino preferisce alzare il braccio e chiedere il fuorigioco per un giocatore dietro di lui (quindi chiaramente in posizione regolare) anziché pensare a difendere. Scherzato sul 2-0.

 

Di seguito tutti i giocatori che in questa giornata si sono fatti notare, nel bene e nel male!

SIMILAR ARTICLES