Come ogni turno infrasettimanale, anche la 23ª giornata non ha lesinato sorprese, per gli uomini che sono stati capaci di mettersi in mostra. Le gare in notturna hanno regalato il primo gol della nuova vita in serie A di Zarate, l’esordio con i fiocchi di Seculin in versione muro contro l’Inter, una nuova doppietta di Belotti. Sono rimasti fuori dalla top 11 per l’occasione i napoletani Higuain e Callejon, perchè se da un lato non fanno più notizia, dall’altro contro la Lazio ha giocato un ruolo di primo piano la fortuna: il primo ha segnato di pancia dopo un’incredibile carambola del pallone contro Marchetti in uscita, il secondo era in fuorigioco. Tra i flop, sono i cartellini rossi (di Oikonomou e Zaza) e gli errori che pesano sui risultati di squadra (rigori falliti da Saponara e Berardi, ma anche alcune topiche difensive di Goldaniga e Ranocchia) a indirizzare le scelte.

 

topTop

Carlos Bacca (Milan)

Cecchino inarrestabile, solitamente segna alla prima occasione utile, ieri contro il Palermo se n’è concessa una più del consueto. Sale a quota 12 reti (uno solo su rigore) e gli va riconosciuto anche il merito di aver evitato sceneggiate sul dischetto cedendo il passo a Niang.


Andrea Belotti (Torino)

Il Torino non decolla, il gioco latita, mancano ancora alcuni equilibri, ma alle prime occasioni utili il Gallo piazza due zampate, la seconda delle quali in extremis, che regalano ai granata un pareggio ormai insperato e un prosieguo di settimana più tranquillo. E intanto il computo individuale sale a 6 gol e 3 assist.


Andrea Seculin (Chievo)

Esordisce in serie A, a San Siro, contro un’Inter arrabbiata e desiderosa di riscatto. Si esibisce in parate super negando il gol in almeno cinque nitide occasioni, ma alla fine deve inchinarsi a Icardi. Resta l’ottimo giudizio e l’impressione di un ragazzo che in A può starci.


flopFlop

Felipe Anderson (Lazio)

Irriconoscibile e sempre meno funzionale al gioco di Pioli. La Lazio ne risente e crolla, sia pure con un po’ di sfortuna, contro un Napoli che si limita quasi al compitino. Il fantasista imprendibile, seguito dal Manchester United, si è smarrito alla fine dello scorso campionato.


Simone Zaza (Empoli)

A differenza delle precedenti occasioni, in cui aveva mostrato grande tempismo, stavolta si muove in maniera scomposta e non sfrutta a dovere l’occasione concessa da Allegri. Si fa espellere a tempo scaduto per un’entrataccia su Izzo e sarà squalificato lasciando al tecnico bianconero due soli attaccanti a disposizione.


Riccardo Saponara (Empoli)

Periodo di appannamento che va avanti ormai da qualche settimana. Ieri il punto più basso con l’errore dal dischetto sul punteggio di 1-0 per l’Udinese: tiro centrale e lento, un gioco da ragazzi per Karnezis. Che le voci di mercato lo abbiano un po’ destabilizzato? Deve ritrovarsi…

 

Di seguito tutti i giocatori che in questa giornata si sono fatti notare, nel bene e nel male!

ARTICOLI SIMILI