Giovani, ma non ingenui. D’altronde, per una nazione che esiste in maniera completamente indipendente da soli 23 anni non poteva che corrispondere una nazionale di calcio alle prime armi. Ma non senza grandi firme. In difesa c’è l’esperienza di Martin Skrtel, colonna del Liverpool, mentre il capitano della Slovacchia è “tale” Marek Hamsik, che indossa quella fascia anche a Napoli.

Le sue parole («È la nostra prima volta alla fase finale di un Europeo, è qualcosa di nuovo per noi ma non abbiamo paura di nessuno») riassumono al meglio lo spirito di un gruppo che per la prima volta si avvicina alla massima competizione continentale: un cammino maturato nel secondo posto nel girone C delle qualificazioni con 22 punti in 10 partite, figli di 7 vittorie, 1 pareggio e 2 sconfitte, 17 gol fatti e 8 subiti. Una piazza d’onore di valore, se pensiamo che davanti alla truppa di Jan Kozak c’erano i campioni d’Europa in carica della Spagna (anche battuti 2-1).

Slovacchia-Spagna 2-1
Slovacchia-Spagna 2-1

Cosmopolita e indigena (ben 10 dei 27 preconvocati per Euro 2016 militano tra il campionato di casa e quello ceco), la Slovacchia ha in lista ben cinque conoscenze transitate per la serie A: detto di Hamsik, a formare i perni della nazionale che sei anni fa chiuse la mesta esperienza sudafricana di Marcello Lippi sulla panchina dell’Italia con un’eliminazione a dir poco sorprendente c’è Juraj Kucka, passato per una stagione di alti e bassi con il Milan, e i difensori Gyomber e Skriniar, seconde linee raramente chiamate in causa tra Roma e Sampdoria, tra i principali indiziati per la “scrematura” finale.

A completare il pokerissimo c’è Vladimir Weiss, meteora di lusso a Pescara nella stagione 2012/2013 e oggi in forza ora all’Al Gharafa in Qatar. Un nome tristemente noto per i colori azzurri è invece il grande assente Robert Vittek, 34enne che nel 2010 segnò una doppietta agli azzurri: non è riuscito a recuperare dall’infortunio.

Vittek in gol, Italia-Slovacchia 2-3

Inserita nel gruppo B con Galles, Russia e Inghilterra, la nazionale dalla croce doppia è alla prima volta in un campionato europeo, la seconda della storia in un torneo per nazioni. La Slovacchia, da quando ha ottenuto l’indipendenza dalla Cecoslovacchia, ha conquistato solamente un ottavo di finale ai Mondiali del 2010, quando superò appunto l’Italia nel girone eliminatorio per poi essere sconfitta dall’Olanda finalista.

In panchina da tre anni c’è un sergente di ferro come Jan Kozak: ex centrocampista di Lokomotiva Kosice e Dukla Praga conta 50 presenze con la Cecoslovacchia, con la quale ottenne un terzo posto negli Europei 1980; da allenatore ha guidato l’Fc Kosice alla storica qualificazione nel 1997-98 alla fase a gironi della Champions League. Dispone i suoi con un 4-2-3-1 che sa di 4-5-1: tanto fisico in difesa e Marek Hamsik a illuminare le percussioni del brevilineo Stoch e le sponde del titanico Nemec.

La maglia della Slovacchia per Euro 2016
La maglia della Slovacchia per Euro 2016

27 i pre-convocati, con quattro nomi sulla graticola. Per loro la Francia sarà una meta per le vacanze estive. Magari da raggiungere in treno, un mezzo di trasporto che da qualche mese in Slovacchia è indelebilmente legato al calcio. Chi non ricorda il video -presto diventato virale sul web- di una locomotiva a vapore che passa sotto le tribune dello stadio che ospita la formazione dilettantistica del TJ Tatran Cerny Balog? Il treno, quello che passa poche volte nella vita. Per la Slovacchia questa è la volta giusta, e Hamsik e i suoi fratelli lo sanno.

Lista provvisoria dei convocati

Portieri: Matus Kozacik (Viktoria Plzen), Jan Mucha (Slovan Bratislava), Jan Novota (Rapid Vienna).

Difensori: Peter Pekarik (Hertha Berlino), Milan Skriniar (Sampdoria), Martin Skrtel (Liverpool), Norbert Gyomber (Roma), Jan Durica (Lokomotiv Mosca), Kornel Salata (Slovan Bratislava), Tomas Hubocan (Dinamo Mosca), Dusan Svento (Colonia), Lukas Tesak (Almaty).

Centrocampisti: Viktor Pecovsky (Zilina), Matus Bero (Trencin), Robert Mak (Paok Salonicco), Erik Sabo (Paok Salonicco), Juraj Kucka (Milan), Patrik Hrosovsky (Viktoria Plzen), Jan Gregus (Jablonec), Stanislav Sestak (Ferencvaros), Marek Hamsik (Napoli), Ondrej Duda (Legia Varsavia), Miroslav Stoch (Bursaspor), Vladimir Weiss (Al Gharafa).

Attaccanti: Michal Duris (Viktoria Plzen), Adam Nemec (Willem II), Adam Zrelak (Slovan Bratislava).

 

Calendario della Slovacchia ad Euro 2016

1^ giornata
Slovacchia-Galles (sabato 11 giugno, ore 18:00) Bordeaux

2^ giornata
Slovacchia-Russia (mercoledì 15 giugno, ore 15:00) Lille

3^ giornata
Slovacchia-Inghilterra (lunedì 20 giugno, ore 21:00) Saint Etienne

SIMILAR ARTICLES

0 184
Le coreografie di Lazio e Roma per il derby d'andata della Serie A 2014-2015.

0 84