La finale è ormai a un passo, Berlino e Varsavia cominciano a intravedersi all’orizzonte, ma c’è ancora un ostacolo da superare per le squadre ancora rimaste in gara nelle competizioni UEFA: si tratta chiaramente delle semifinali di Champions League ed Europa League, e a giudicare dalle reazioni dopo i sorteggi dello scorso 24 aprile le gare dovrebbero essere molto combattute e spettacolari, soprattutto in Champions. Si parte con Juventus-Real Madrid, si prosegue con Barcellona-Bayern Monaco e si finisce con Napoli-Dnipro e Siviglia-Fiorentina. Poi la settimana prossima il ritorno a campi invertiti: in una decina di giorni le finaliste saranno definite. In Champions è ancora possibile un primo storico bis: se il Real Madrid dovesse confermarsi, sarebbe la prima squadra capace di vincere per due anni di fila da quando la UEFA ha riformato la Coppa dei Campioni, nel 1994. Un’italiana non arriva in finale di Coppa UEFA o Europa League dal 1999, quando vinse il Parma: potrà esserci un derby?

JUVENTUS – REAL MADRID

(andata martedì 5 maggio, ritorno mercoledì 13 maggio) – LE QUOTE DEL MATCH

Dopo cinque anni un’italiana torna in semifinale di Champions League e la Juventus spera di ripetere quanto fatto dall’Inter del Triplete. Con lo scudetto in tasca, i bianconeri possono concentrarsi esclusivamente sulla doppia sfida con il Real Madrid, che invece sta battagliando col Barcellona per la Liga e nel weekend avrà uno scontro tutt’altro che agevole contro il Valencia. Carlo Ancelotti torna a Torino da ex e spera di regalare un altro dispiacere europeo ai bianconeri, già battuti nella finale di Manchester del 2003 col Milan. Dovrà farlo senza Karim Benzema (infortunato e out almeno per l’andata) ma con un ritrovato Gareth Bale, di nuovo in campo sabato col Siviglia e autore di un assist sul terzo gol di Cristiano Ronaldo, pericolo numero uno per la Juve che risponde con la solita difesa di ferro e il duo d’attacco Tévez-Morata (altro ex). Precedenti favorevoli ai bianconeri, sempre avanti negli ultimi tre incroci a eliminazione diretta (quarti 95-96, semifinale 2002-03, ottavi 2004-05), ma in finale nel 1998 vinsero i blancos per 1-0, con gol di Mijatović.

BARCELLONA – BAYERN MONACO

(andata mercoledì 6 maggio, ritorno martedì 12 maggio) – LE QUOTE DEL MATCH

Per la prima volta Pep Guardiola torna da avversario al Camp Nou, dove ha vinto tutto sia da giocatore che da allenatore, costruendo dal 2008 al 2012 un ciclo formidabile con due Champions vinte in quattro stagioni. L’accoglienza sarà sicuramente calorosa ma in campo il Barcellona non vorrà certo fare sconti al tecnico catalano. Nemmeno Lionel Messi, che proprio grazie a Pep è stato inventato centravanti diventando una mostruosa macchina da gol. Con il 6-0 al Getafe della scorsa settimana il trio offensivo del Barça Messi-Neymar-Suárez ha superato la clamorosa soglia dei cento gol stagionali. E sabato il Granada è stato demolito con un clamoroso 0-8: gli uomini di Luis Enrique sono in una condizione pazzesca. Bayern Monaco con diversi infortunati, su tutti David Alaba e Arjen Robben, per l’andata fuori anche Franck Ribéry mentre pare abbia recuperato in extremis dalla frattura al naso Robert Lewandowski, che agirà da punta con Thomas Müller. Due anni fa in semifinale fu trionfo bavarese, 4-0 all’andata 0-3 al ritorno.

Lionel Messi e Pep Guardiola ai tempi del Barcellona.

NAPOLI – DNIPRO

(andata giovedì 7 maggio, ritorno giovedì 14 maggio) – LE QUOTE DEL MATCH

Delle quattro semifinali europee, questa è senza dubbio la meno equilibrata: il valore del Dnipro non può essere minimamente paragonato a quello delle altre. Gli ucraini sono stati la grande sorpresa di questa Europa League, con il girone passato di pura fortuna per un gol regolare del Qarabağ annullato all’ultimo secondo. Poi la svolta a partire dai sedicesimi dove sono cadute nell’ordine Olympiakos, Ajax e Club Brugge, sulla carta favorite. Il Napoli è avversario molto più difficile e l’andata col Wolfsburg ha dimostrato come gli azzurri possano essere a tratti inarrestabili. Rafa Benítez punta molto su Higuaín e il ritrovato Hamšík delle ultime uscite, ma occhio anche alle mosse a gara in corso rappresentate da Manolo Gabbiadini e Lorenzo Insigne. Di contro, la difesa è il punto debole dei partenopei e in questo senso potrebbe approfittarne Yevhen Konoplyanka, unico vero elemento di spessore del Dnipro e dotato di un’ottima tecnica. Due anni fa si sfidarono nei gironi: 3-1 in Ucraina e 4-2 al San Paolo con poker di Edinson Cavani.

SIVIGLIA – FIORENTINA

(andata giovedì 7 maggio, ritorno giovedì 14 maggio) – LE QUOTE DEL MATCH

I campioni in carica del Siviglia puntano a ripetersi, cosa già successa quando l’Europa League si chiamava ancora Coppa UEFA nel 2005-06 e 2006-07. Trionfando a Varsavia gli spagnoli diventerebbero il club con più successi nella competizione: quattro. Unai Emery non dispone di grandi campioni ma di tanti giocatori integrati alla perfezione in un 4-2-3-1 equilibrato: il centravanti Carlos Bacca è lo strepitoso finalizzatore di una manovra piacevole che parte dalle fasce o dal centro, dove Éver Banega è tornato a buoni livelli e il polacco Grzegorz Krychowiak sta disputando una stagione superlativa (giocherà pur essendosi rotto il naso sabato col Real). Come può colpire la Fiorentina? Sfruttando le amnesie del portiere: Beto è tornato con lo Zenit da un lungo stop e ha commesso due papere incredibili, poi è tornato titolare Sergio Rico, ma i due sono in ballottaggio. Vincenzo Montella non potrà sbagliare come nelle ultime settimane, magari potrebbe preferire Joaquín (per lui è derby essendo ex Betis) a Mario Gómez, sperando che Mohamed Salah si ripeta.

Rovesciata di Gonzalo Higuaín durante Fiorentina-Napoli della Serie A 2014-2015.

ARTICOLI SIMILI