Da un italiano (Capello) a un altro (Mancini, per i media nazionali prossima guida)? L’interrogativo regna a Mosca e dintorni. Come recita un antico proverbio “Non si possono insegnare trucchi nuovi a un vecchio gatto”, ma in Russia per traghettare la nazionale verso Euro 2016 hanno scelto tutta l’esperienza di Leonid Slutsky, come allenatore ad interim quando nel luglio 2015 -con la squadra al terzo posto nel girone di qualificazione a Francia 2016 con 8 punti, dietro a Svezia (12 punti) e Austria (16)- le lotte intestine in seno agli oligarchi, tra chi non lo voleva più a Mosca e chi tirava fuori i soldi di tasca propria per tenercelo, avevano spinto al saluto “dorato” (buonuscita da circa 25 milioni di euro) per Don Fabio.

Un Ct fatto in casa, che da allenatore del Cska Mosca ha avuto la possibilità di visionare in ogni turno di campionato elementi che facessero al caso della nazionale: sintomo di un calcio dal quale sono lontani ormai anni luce i tempi in cui l’Anzhi comprava Eto’o, Diarra, Willian e Jucilei e le altre inseguivano con roboanti colpi, spesso attingendo dai binari azzurri (Criscito, Bocchetti, Spalletti e i loro fratelli).

Leonid-Slutsky-Ct-della-Russia-e-allenatore-del-Cska-Mosca
Leonid Slutsky Ct della Russia e allenatore del Cska Mosca

Chiamato a ritemprare i suoi soldati dopo un anno di frizioni interne, nate nel disastroso mondiale di Brasile 2014, con l’eliminazione al girone eliminatorio dopo due pareggi con Corea del Sud e Algeria e la sconfitta con il Belgio, Slutsky si è affidato a veterani come Akinfeev, Berezutski, Shirokov, Dzagoev e Zhirkov, affiancati da giovani certezze come il centravanti Smolov e il 20enne mediano Aleksandr Golovin, tre sole presenze con la “Sbornaya” ma i galloni da titolare fisso cuciti nel futuro. Approdato sulla panchina di una nazionale che dopo sei partite  (2 vittorie, 2 pareggi e 2 sconfitte) occupava la terza posizione del girone con 8 punti, 4 in meno della Svezia ed otto in meno rispetto alla capolista Austria, il Ct ad interim ha ottenuto l’obiettivo con una difesa solida e un’acuta spallata alla Svezia di Ibra, caduta nelle sabbie mobili dei playoff.

Fabio Capello, Ct della Russia fino a luglio 2016
Fabio Capello, Ct della Russia fino a luglio 2016

Un’assenza pesante c’è, e non è in panchina ma sulla corsia mancina: non farà parte dei 23 Denis Cheryshev. L’attaccante di proprietà del Real Madrid, ma che da gennaio gioca con il Valencia, si è sottoposto a un’operazione per risolvere una tendinite cronica alla coscia sinistra e rivedrà il campo dopo l’estate. La sicurezza di Slutsky, invece, si chiama Igor Akinfeev, 32 anni e portiere titolare del CSKA Mosca praticamente dall’inizio della sua carriera: dalle giovanili del CSKA è passato in prima squadra 13 anni fa e attualmente ne è anche il capitano. Un anno fa, durante le qualificazioni, era stato protagonista anche fuori dai pali, quando a Pogdorica, nella sfida contro Montenegro, era stato colpito alla spalla da un fumogeno lanciato dagli spalti e costretto a lasciare il campo in barella.

Festeggiamenti dei giocatori russi a qualificazione ottenuta
Festeggiamenti dei giocatori russi a qualificazione ottenuta

L’obiettivo, in un raggruppamento livellato verso l’alto come il girone B, è quello di ricomporre un biglietto da visita dignitoso verso il Mondiale 2018, che si disputerà proprio oltre gli Urali. Il campionato nazionale, nato nel 1992 in seguito alla dissoluzione dell’URSS e alla nascita di diverse nazioni e delle rispettive leghe, dagli anni 2000 prova a inserirsi tra i migliori per competere su scala europea, senza gli esiti attesi sin qui. La semifinale continentale (0-3) di otto anni fa contro la Spagna appare distante, ma i russi nel calcio sono come i gatti: delle mine vaganti, ma con schemi vintage, perché, è bene ricordarlo, “non si possono insegnare trucchi nuovi a un vecchio gatto”.

Calendario della Russia ad Euro 2016

1^ giornata
Inghilterra-Russia (sabato 11 giugno, ore 21) Stade Velodrome di Marsiglia

2^ giornata
mercoledì 15 giugno 2016: Slovacchia-Russia (Lille, ore 15:00)

3^ giornata
Galles-Russia (lunedì 20 giugno, ore 21.00) Stadium Municipal, Tolosa

ARTICOLI SIMILI