È il campionato di calcio più ricco del panorama Mondiale per distacco, molto più della Champions e dell’Europe League messe insieme (valgono 2,3 miliardi), quasi tre volte Liga e Serie A e anche quest’anno anticiperà tutti anche sul primo calcio d’inizio del nuovo anno. La Premier League dei 3,2 miliardi di euro di fatturato inaugurerà infatti la stagione 2016-2017 già sabato, all’ora di pranzo (ore 13.30), con il primo impegno del Leicester di Ranieri, campione in carica, contro il neo-promosso Hull City. Una partita che, già di per sé, meriterebbe un capitolo a parte nel racconto.

leicester

Da un lato la vincitrice a sorpresa dello scorso anno, un gruppo di sconosciuti capace di raggiungere il titolo e di conquistare nuovi tifosi in tutto il mondo e ora ancora insieme (eccetto Kanté, venduto al Chelsea) dopo un’estate di tentazioni; dall’altro una squadra che ha strappato la promozione allo Sheffield Wednesday passando per i play off, salvo poi far calare il sipario su tutte le operazioni per la nuova annata. Di fatto, il presidente Assem Allam, in aperta opposizione con la Federazione inglese che gli ha negato il cambio di naming della società, ha messo in stand by tutte le operazioni. Venduta la stella Diamé al Newcastle, rotti i rapporti con il tecnico Bruce, artefice della promozione, si è affidato a un tecnico ad interim e ha mandato in ritiro 15 giocatori, compresi i due portieri, che a meno di operazioni dell’ultima ora cominceranno in queste condizioni un’annata che si preannuncia particolarmente complicata.

Per il Leicester sarà insomma una buona occasione per cominciare bene la stagione e lasciarsi alle spalle la sconfitta nel Community Shield contro il nuovo Manchester United di Mourinho (2-1). A proposito dei Reds, il tecnico portoghese ha subito messo le cose in chiaro: chi vorrà aggiudicarsi la Premier dovrà vedersela con lui. È stato il re del mercato con 190 milioni spesi per prendere Ibrahimovic, Mkhitaryan e soprattutto Pogba, ha messo fuori rosa i giocatori indesiderati (Schweinsteiger in primis) e ha subito lanciato la sfida cittadina al rivale di sempre Guardiola, da quest’anno sulla panchina del City, che non a caso ha subito pareggiato i conti, almeno in termini di budget, strapagando il difensore Stones (56 milioni di euro all’Everton). Per entrambi i tecnici un inizio sul velluto: José in casa del Bournemouth, Pep davanti al suo pubblico contro il Sunderland che nel frattempo ha salutato il tecnico Koeman e bomber Pellé.

arsenal-liverpool

Il vero big match della prima giornata sarà Arsenal-Liverpool, in programma domenica alle 17: Wenger contro Klopp e in campo due corazzate che inseguono un piazzamento Champions con vista sul trionfo finale. Ma attenzione anche al Tottenham, di scena sabato alle 16 in casa dell’Everton, pronto a ripartire dal secondo posto della precedente stagione, forte di una squadra giovane, dinamica e che ha conservato il capocannoniere Kane. E ancora a proposito di corsa “scudetto”, subito esordio nel monday night per l’ex ct azzurro Antonio Conte, in campo a Ferragosto alle 21, che dovrà vedersela contro il più rodato West Ham (reduce da due partite di Europe League e da un’amichevole di lusso con la Juventus), subito chiamato a testare il livello raggiunto dall’opera di ricostruzione dei Blues.

Ultima annotazione per le neo-promosse: detto dell’Hull City, il Burnley esordirà alle 16 di sabato contro lo Swansea del confermato tecnico Guidolin che nelle ultime ore di mercato ha ottenuto anche l’arrivo dell’ex juventino Llorente; stesso orario per il Middlesbrough, di scena contro lo Stoke City, e pronto a raccogliere i frutti di un calciomercato che ha prodotto gli arrivi, tra gli altri, di Victor Valdes, Negredo e dell’ex bolognese Gaston Ramirez. L’ultimo tecnico italiano di questa Premier, l’altro esordiente Walter Mazzarri, infine, se la vedrà sabato col Southampton.

Il programma completo:

Sabato 13 agosto
Hull Leicester – ore 13.30
Burnley Swansea – ore 16
Crystal Palace West Brom
Everton Tottenham
Middlesbrough Stoke
Southampton Watford
Manchester City Sunderland – ore 18.30

Domenica 14 agosto
Bournemouth Manchester Utd  – ore 14:30
Arsenal Liverpool – ore 17.00

Lunedi 15 agosto
Chelsea West Ham – ore 21