Ieri sera a San Siro il calcio italiano ha toccato probabilmente il punto più basso degli ultimi 60 anni. Una sconfitta che trascende il piano sportivo, che va a toccare le corde emotive in tutti noi.

La tristezza di Buffon, che si ritrova a chiudere un ventennio di Nazionale straordinario nel modo peggiore, la delusione di De Rossi e Barzagli, il dispiacere sui volti di tutti gli azzurri sono le stesse sensazioni provate da chiunque abbia assistito alla partita.

Non sappiamo cosa sia un Mondiale senza l’Italia, almeno una gran parte di noi. Il prossimo anno invece dovremo fare i conti con questa situazione inedita, inaspettata. Niente corse per tornare presto dal mare, niente locali addobbati a festa, niente scuse per uscire da lavoro un’ora prima “perché alle sei gioca l’Italia”. Oggi siamo tutti tristi, spaesati per questa situazione: ad ogni Mondiale sono legati ricordi, sensazioni indelebili della nostra vita.

I Mondiali di calcio hanno scandito i tempi della nostra vita e scandiranno i tempi che verranno”, dicono Federico Buffa e Carlo Pizzigoni nell’incipit di ogni puntata di Storie Mondiali. Accadranno comunque cose belle e indimenticabili nell’estate del 2018. Rideremo, resteremo svegli fino a tardi, guarderemo anche qualche partita delle squadre che al Mondiale ci sono arrivate. Ma a questo universo narrativo di ricordi mancherà un riferimento sociale, prima ancora che sportivo, un gol di Grosso o un rigore di Baggio a cui appigliarsi quando non ci ricorderemo che anno era.

Come siamo arrivati a tanto? Come è stato possibile infangare la storia di una Nazione che ha dato tanto al calcio mondiale e far indignare un intero paese? Il fallimento dell’Italia di Ventura e di Tavecchio è epocale, con pochi precedenti, ma è solamente l’apice negativo di un periodo di declino assoluto di un intero movimento, convinto che la storia gloriosa possa bastare per portare a casa risultati positivi. E invece non è così, perché intorno a noi gli altri non sono stati a guardare e pian piano ci hanno sorpassato.

Belgio, Germania, Spagna, nazionali che hanno vissuto anni difficili, sono ripartite grazie a progetti di crescita ben definiti, che hanno avuto come base il lavoro sui giovani e che negli anni hanno dato i frutti sperati. Chi dirige il calcio in questi paesi si è preso la responsabilità di cambiare la rotta di un movimento in difficoltà, di attuare riforme di lungo periodo che poi col tempo hanno portato a risultati importanti.

Noi ci ritroviamo indietro, ancorati a un passato di vittorie che diventa sempre più passato. La nostra Nazionale, dopo la straordinaria impresa del 2006, ha collezionato brutte figure sia in Sud Africa che in Brasile (con gli intermezzi degli Europei del 2012 e del 2016, in cui abbiamo ottenuto risultati superiori alle nostre possibilità grazie soprattutto al gran lavoro fatto da Prandelli e Conte), la Serie A è spaccata tra squadre deboli sempre più deboli e quelli che dovrebbero essere top club che vincono senza difficoltà contro di esse, ma che poi in Europa vengono sistematicamente battute dalle altre big europee (solo la Juventus è riuscita, in parte, a competere ad alti livelli), per i giovani che emergono con difficoltà la maglia della Nazionale maggiore sembra quasi impossibile da raggiungere.

Nel post 2006 non c’è stata lungimiranza nelle azioni di chi ha guidato il calcio.  L’era di Carlo Tavecchio ha portato al disastroso epilogo di ieri, con Ventura Ct in bambola e incapace di dare un’impronta definita alla squadra azzurra. Dopo la sconfitta con la Spagna l’ex allenatore del Torino ha dimostrato tutta la sua inadeguatezza, preferendo tornare sui suoi passi e rinnegare il 424 su cui aveva puntato per riproporre il 352 di Conte. Le sue scelte senza criterio (su tutte quella di tenere Insigne, probabilmente il miglior calciatore italiano in questo momento, in campo per 10 minuti nella gara di andata e in panchina ieri) e le dichiarazioni fuori luogo (parlare di arbitri e sfortuna dopo la sconfitta in Svezia è assurdo) parlano per lui.

In questa situazione assurda sia il presidente della FIGC che il Ct non sono stati ancora in grado di fare un passo indietro e dare le dimissioni, cosa che almeno fecero Prandelli e Malagò poco dopo Italia-Uruguay. Sono ancora lì, ad aspettare non si sa cosa.  Sembra che si sia sempre l’interesse personale prima della dignità, la poltrona da difendere, il milione di buonuscita da trattare.

L’indignazione di una nazione intera deve servire da stimolo a portare un profondo rinnovamento calcistico in un movimento immobile da troppi anni. Emblematiche a tal proposito le dichiarazioni rilasciate proprio oggi dal ministro per lo sport Lotti: “Le parole di Gigi Buffon sono state molto chiare: è evidente che dobbiamo tutti aiutare a far ripartire il mondo del calcio, in tutti i sensi. Non è dalla partita con la Svezia che si è capito che ci sono dei problemi, che c’è qualcosa che non va: negli ultimi due Mondiali siamo usciti al primo turno, non si riescono ad eleggere il presidente della Lega di A e di B. C’è molto da fare, credo che sia opportuno sfruttare questa occasione negativa per rifondare del tutto il calcio italiano

L’occasione di ricostruire sulle macerie un calcio nuovo, che riporti finalmente l’Italia fuori da una situazione ormai insostenibile, stavolta è troppo grande per non sfruttarla. Reiterare con gli stessi errori del passato recente significherebbe solamente condannarci a un futuro di incertezze e di sicuri insuccessi.

SIMILAR ARTICLES

0 131
Le coreografie di Lazio e Roma per il derby d'andata della Serie A 2014-2015.

0 61