Due Mondiali, un anno e mezzo e 532 giorni dall’ultima volta. È il lasso di tempo che appassionati e tifosi hanno dovuto attendere per rivedere Valentino Rossi sul gradino più alto della classifica della MotoGp. Spente 38 candeline sull’ultima torta e alla 22esima stagione da pro nel motociclismo, il campione di Tavullia è stato protagonista dell’ennesimo exploit, proprio quando in molti erano pronti a scommettere su un campionato a far da chioccia al talentuoso compagno di squadra, Maverick Vinales, sostituto del mai amato Lorenzo in Yamaha. E invece il vecchio leone è tornato e ruggisce a pieni polmoni.

Dai fattacci di Valencia 2015, con il decimo Mondiale soffiato all’ultimo atto da un Lorenzo agevolato dalla squalifica del Dottore post-Sepang (Rossi ultimo in griglia e quarto sul traguardo, alle spalle dello spagnolo e dei due connazionali della Honda, Marquez e Pedrosa), alla felicità di Austin: l’esperto pilota si scopre costante anche fuori dai confini europei e con 23 punti in più rispetto allo scorso anno.

Passano gli anni, insomma, ma Rossi migliora come fosse un buon vino. Più maturo, paziente, forse meno veloce di un tempo, ma con la stessa capacità di leggere le gare e risultare spietato per i suoi avversari con la gara in bilico e quando più conta. Si veda l’ultimo sorpasso ad Austin su Pedrosa e in generale tutta la gestione delle tre gare. Ancora una volta Vale è stato bravo a scardinare certezze, pronostici e convinzioni. L’inizio con i fiocchi (terzo in Qatar e secondo in Argentina e ad Austin) ha permesso in particolare di lasciarsi alle spalle una fase di preparazione parecchio complicata. Come da sua stessa ammissione: “Me lo avessero detto in inverno non ci avrei assolutamente creduto – ha spiegato -. Anche se già in Qatar, non so perché, ero ottimista. Forse perché ero talmente disperato che, come i matti, mi ripetevo ‘va tutto bene, va tutto bene’“.

Adesso quindi può gridarlo a gran voce. Ha 6 punti più del compagno di squadra Maverick, vincitore dei primi due Gran Premi ma fuori al secondo giro in America, e 18 più di Marquez, confermatosi dominatore sulla pista americana. Ora si va in Europa, a cominciare da Jerez in Spagna, dove proprio lo scorso anno il numero 46 ha interrotto il predominio iberico. “Essere primo è un gran risultato – ha commentato ancora Rossi – anche se so che sarà difficilissimo restarci. Il mio primo obiettivo all’inizio di ogni stagione è provare a vincere una gara e quest’anno è lo stesso. Jerez, Le Mans, Mugello, Barcellona, Assen… ho sempre avuto un gran feeling su quelle piste, ho memorie fantastiche, lì si respira la vera atmosfera del Mondiale“.

rossi-marquez-vinales

Quanto ai suoi avversari: “Tra Maverick e Marquez c’è una grandissima rivalità e cercheranno di fare il massimo. Hanno una grande motivazione, ma anche se sono favoriti penso che da adesso in poi un’occhiata me la daranno“. E lo stesso farà la marea gialla che ad ogni gara colora le tribune dei Gp. I tifosi di Rossi pregustano un’altra stagione di primo piano, pronti a palpitare per l’obiettivo “decimo Mondiale”. Ancora presto per dire se sarà la sua ultima stagione, ma laddove lo fosse sarebbe un finale all’altezza del suo essere Fenomeno. Con la F maiuscola.

ARTICOLI SIMILI

0 339