La Liga 2017-2018 deve ancora iniziare (partirà la prossima settimana, come la Serie A) ma è già il momento di un doppio Clásico. Real Madrid e Barcellona giocano infatti per la Supercopa de España, andata stasera ore 22 al Camp Nou e ritorno mercoledì alle 23 (per non coincidere con i play-off di Champions League, visto che la UEFA non lo permette) al Santiago Bernabéu. Sarà pure calcio d’agosto, ma visto quanto successo in questa folle estate di calciomercato il trofeo assume un’importanza maggiore.

Real Madrid Supercoppa Europea

LA FORZA DEI CAMPIONI

Prima squadra a vincere la Champions League per due anni di seguito e già con una coppa in tasca all’esordio ufficiale in questa stagione. Non potrebbe esserci nulla di meglio per il Real Madrid, che ha ripreso da dove aveva finito, ossia sollevando un trofeo con la Supercoppa Europea di martedì scorso, battendo 2-1 il Manchester United. Zinédine Zidane continua nel suo percorso quasi netto da allenatore e a Skopje ha pure vinto senza Cristiano Ronaldo, rimasto in panchina per ottantadue minuti. Il portoghese sarà a pieno regime col Barça, dove almeno per l’andata mancherà Luka Modrić (sostituito dal connazionale Mateo Kovačić), ma potrebbe invece vedersi per la prima volta in maglia blanca Theo Hernández, uno dei pochi rinforzi estivi (assieme a Dani Ceballos e al rientrante Jesús Vallejo) “scippato” ai cugini dell’Atlético. Di certo problemi per il Real Madrid non ce ne sono, anche senza acquisti di grido e con la cessione di Álvaro Morata la squadra è completa e pronta per rilanciare l’assalto a tutti i trofei nazionali e continentali, con tante opzioni di lusso.

Ernesto Valverde Barcellona

NEL MEZZO DEI GUAI

Forse non è proprio il momento giusto per far giocare una coppa al Barcellona. I blaugrana sono reduci da settimane molto difficili dovute al caso Neymar, col brasiliano che ha sì portato duecentoventidue milioni nelle casse catalane ma anche creato un buco difficilmente rimpiazzabile. Il Barça sta provando in tutti i modi a sostituirlo ma per ora trova un muro rappresentato dalle squadre proprietarie dei suoi obiettivi, da Philippe Coutinho a Ousmane Dembélé (con tutti quei soldi incassati è logico che chiedano di più…). Della MSN sono rimasti quindi Lionel Messi e Luis Suárez, da lì dovrà partire Ernesto Valverde che in carriera ha comunque dimostrato di saper plasmare bene anche squadre non proprio eccelse dal punto di vista qualitativo, quindi avere dei campioni a disposizione non dovrebbe certo essere un problema per lui. Certo è che il Barcellona arriva all’appuntamento distratto dal mercato e con una rosa incompleta, dove gli unici volti nuovi sono Nélson Semedo e Gerard Deulofeu. Il rischio è che il lungo ciclo del Barça sia al punto più basso.