Le tre giornate di Serie A durante le feste hanno determinato il progressivo allontanamento dalla vetta di Inter, Lazio e Roma (le due romane devono recuperare una partita, ma il distacco resta comunque pesante), riducendo così la corsa per il titolo alle sole Juventus e Napoli, come negli ultimi anni. Domenica riprende il campionato dopo la pausa, sarà un mese intenso prima che si rigiochi anche in campo internazionale e le due rivali possono ulteriormente fare il vuoto per poi gestire le energie.

Higuaín Dybala Napoli-Juventus

UNA CONTRO L’ALTRA, ANCORA UNA VOLTA

Napoli 51, Juventus 50. Il campionato ricomincia dalle prime due della classifica, che hanno conquistato centouno punti su centoventi disponibili nelle venti giornate fin qui disputate. Numeri strepitosi che rischiano di riscrivere i record assoluti della Serie A (quota 102 dei bianconeri nel 2013-2014, torneo dove la Roma finì seconda a ottantacinque).

Come due anni fa è la squadra di Maurizio Sarri ad arrivare a questo punto della stagione in testa: alla ventesima giornata del 2015-2016 aveva 44 punti contro i 42 della Juventus, che effettuò il sorpasso al venticinquesimo turno nello scontro diretto grazie al gol di Simone Zaza nel finale, chiudendo poi a +9. Stavolta però lo “spareggio” si disputerà molto più avanti, alla quintultima giornata nel weekend del 22 aprile, quando potrebbe davvero valere il tricolore in una sfida senza appello: il ricordo del gol di Gonzalo Higuaín è ancora freschissimo, in quella che a oggi resta l’unica sconfitta di un Napoli che per il resto ha fatto solo tre 0-0 (Chievo, Fiorentina e Inter) e poi tutte vittorie.

Koulibaly Napoli-Verona

CALENDARIO CHIAVE

Le coppe europee riprenderanno il 13 febbraio con Juventus-Tottenham di Champions League, due giorni dopo RB Lipsia-Napoli di Europa League. Prima ci sono quattro giornate di campionato che il duo di testa può sfruttare per ottenere vantaggi nei confronti dell’avversario, in modo da poter gestire meglio il doppio impegno (la Juventus ha in mezzo anche la Coppa Italia, semifinale d’andata con l’Atalanta).

Cruciale quindi il calendario del prossimo mese, che sembra dare una mano a Massimiliano Allegri: Genoa in casa, Chievo in trasferta e Sassuolo di nuovo all’Allianz Stadium sono avversari con cui questa Juventus raramente perde punti. I bianconeri hanno l’obbligo di fare bottino pieno perché poi ci sarà una serie di partite molto meno abbordabili contro Fiorentina, Torino, Atalanta e Lazio.

Il Napoli invece ha una prova di forza: riparte dall’Atleti Azzurri d’Italia, per vendicare la sconfitta in Coppa Italia di due settimane fa contro l’Atalanta, poi ha il Bologna al San Paolo, va in casa del Benevento e ospita la Lazio. Se gli azzurri dovessero essere ancora in testa dopo questo ciclo potranno cominciare a fare qualche calcolo a medio termine, con l’aggiunta del rientro di Arkadiusz Milik e Faouzi Ghoulam, due opzioni in più nella corsa a quel titolo che manca dal 1990.

SIMILAR ARTICLES

0 244