Sassuolo-Roma, 26 ottobre 2016, ultimi minuti di gara: Alessandro Florenzi si accascia al suolo tenendosi il ginocchio sinistro tra le mani e poco dopo abbandona il campo in barella. Le sensazioni iniziali non lasciano presagire nulla di buono, e l’esito degli esami strumentali è una sentenza: rottura del legamento crociato. L’infortunio è una mazzata anche sul piano psicologico, oltre che fisico. Florenzi veniva, infatti, da un’annata importantissima con la Roma e le prestazioni dei primi mesi della stagione 2016/2017 lasciavano ben sperare per un futuro sportivo che lo avrebbe visto certamente protagonista.

Sassuolo-Roma

L’intervento a Villa Stuart ad opera del professor Mariani e la lunga la riabilitazione non hanno, però, spaventato, e soprattutto scoraggiato, il numero 24 della Roma, che da mesi ormai, giorno dopo giorno, si stava allenando duramente per recuperare la forma e tornare a disposizione di mister Luciano Spalletti. Il rientro era previsto a metà marzo, in una fase cruciale della stagione.

Ma, proprio quando la situazione sembrava evolvere per il meglio, la doccia gelata. Durante una sessione di allenamento con la primavera della Roma, infatti, la storia si è ripetuta, con il ginocchio sinistro che ha fatto nuovamente “crack”.

Rabbia, sfortuna e tanta delusione avranno sicuramente riempito il cuore del giovane Alessandro che adesso dovrà ricominciare tutto da capo e limitarsi a seguire le vicende della propria squadra dalla tribuna. Anche il secondo intervento è perfettamente riuscito, ma rivedremo Florenzi in campo solo nella prossima stagione. Adesso è doveroso mettere da parte i progetti sportivi e concentrarsi sul perfetto recupero dall’infortunio.

Bellissimi i gesti di affetto e vicinanza dei suoi compagni di squadra che, oltre ad avergli fatto una visita a sorpresa mentre era ancora ricoverato a Villa Stuart, nell’ultima partita casalinga contro il Torino sono scesi in campo con una divisa particolare che presentava un piccolo 24, il numero di Florenzi per l’appunto, sulla manica sinistra. Ovvia è stata anche la dedica della vittoria che la Roma ha conquistato proprio nell’ultimo match disputato contro gli uomini di Mihajlovic.

Solidarietà ed auguri di pronta guarigione sono arrivati anche dal web e da altri esponenti dello sport. Il destino è stato avverso, ma uomini come lui hanno i mezzi e la grinta giusta per risollevarsi da ogni difficoltà e per tornare più forti di prima.

SIMILAR ARTICLES

0 114
Le coreografie di Lazio e Roma per il derby d'andata della Serie A 2014-2015.

0 56