Disastro Ferrari. Si può già dire? Sì, anche se la stagione è appena cominciata se ne sono viste già di tutti i colori in quattro gare: errori dei piloti, sfortuna, strategia sbagliata, cambi motore penalizzanti. In tutto questo, la costante è stata la Mercedes: imprendibile. I presupposti per un’altra stagione di purgatorio/inferno sono lì, nonostante i proclami, anche questi puntuali come ogni anno.

Nico Rosberg

Rosberg, quattro su quattro

Le Frecce d’Argento sfrecciano. Le parole di Maurizio Arrivabene, capo di Maranello, suonano come una resa già ora, dopo quattro Gran Premi: “Rosberg passeggia sempre”, mentre a Hamilton “non è facile resistere”. Frasi estrapolate da un contesto, quello della pista di Sochi, dove le Rosse erano arrivati con il chiaro intento di invertire la tendenza e quindi di vincere. E invece, Kimi Raikkonen è arrivato terzo, dietro a Rosberg e ad Hamilton. E il podio non può bastare alla Ferrari, soprattutto se parti ad handicap e devi inseguire da subito.

Tifosi della Ferrari

Barcellona, la pista del riscatto?

Diciamo la verità: Barcellona ha già il sapore del ‘dentro o fuori’. Una quinta vittoria Mercedes sarebbe la resa delle armi e del Mondiale. Anche perché Arrivabene alza l’asticella: “Vedrete finalmente un vero e proprio salto di qualità. Quella è una pista in cui possiamo vincere”. Incurante della pressione che potrebbe cadere sulle teste del tedesco e del finlandese che, a loro volta, si giocano il loro futuro a Maranello.

C’è anche chi allunga un po’ la vita della Rossa, chiedendo di attendere almeno Montecarlo. Quello sarà l’esame di laurea. Se la Ferrari sarà competitiva e riuscirà magari a vincere nel Principato, allora si potrà parlare di campionato ancora aperto. Altrimenti, bisognerà cominciare a pensare alla prossima stagione, ma questa volta per davvero.

Maurizio Arrivabene

Se i capi si fanno sentire

Proclami, ma anche parole dure. I capi cercano di farsi sentire da meccanici, ingegneri e piloti. Se Sergio Marchionne, presidente della Ferrari, fa il nostalgico: “Dobbiamo colmare il gap alla velocità della luce, io ero abituato a vedere la Ferrari di Schumacher, vederla soffrire così mi rompe l’anima”, Arrivabene va dritto al cuore dei problemi: “Per essere più mostri dei mostri, dobbiamo diventarlo anche noi”.

Poi accusa anche se stesso: “Per diventare mostri, abbiamo spinto al massimo nello sviluppo, abbiamo azzardato sapendo di correre dei rischi sul piano dell’affidabilità. Se le rotture sono più frequenti, la colpa è mia: sono io che ho detto di andare oltre il limite. Poi ci sono stati gli errori, che adesso non dobbiamo commettere più. In Cina, alla prima curva, avevano sbagliato i nostri piloti, la colpa era di Vettel, che aveva aperto la porta a Kyvat e poi era finito addosso a Raikkonen. A Sochi, è stato diverso, ha fatto tutto il russo con manovre allucinanti. Da Raikkonen, in Russia, era lecito attendersi qualcosa in più. Il podio non è mai da buttare, ha disputato una buona gara, ma dopo l’ingresso della safety car ho visto un atteggiamento troppo arrendevole”.

Come dire che sbagliare perché si va oltre il limite ci sta, fare gara di conservazione è sbagliato.

Sepang International Circuit Sepang Kuala Lumpur Malaysia Sunday 29 March 2015 Sebastian Vette

L’Australia, l’illusione

L’illusione di una Ferrari padrona è durata 19 giri, in Australia, nel primo Gp della stagione. Sebastian Vettel è stato al comando, la SF16-H ha fatto sognare i tifosi. Sbagliata è stata però la strategia, ossia insistere con le gomme super morbide al pit-stop dopo la bandiera rossa per un incidente tra Alonso e Gutierrez. Naturalmente, chi ha beneficiato della strategia errata? Le Mercedes, che chiuderanno davanti con Rosberg primo e Hamilton secondo. Solo terzo Vettel. Raikkonen ritirato con fiamme dal motore dopo 25 giri. Una volta la Ferrari brillava per l’affidabilità. Una volta.

Ferrari ferma

Bahrain, anche le Ferrari si rompono

Purtroppo in Bahrain arriva la conferma: le Rosse non sono affidabili. Mentre Rosberg vince ancora. Vettel, addirittura, esce di scena al giro di ricognizione con fumo dal pennacchio. Ma fa sperare la seconda posizione di Raikkonen, che precede Hamilton, rallentato da un incidente più che dal potere del finlandese.

Più che la seconda piazza, però, a far sorgere dubbi è quel fumo. Inutile nascondersi, la Ferrari punta soprattutto su Vettel per l’assalto al Mondiale. E invece, Rosberg se ne va in fuga. La Rossa non solo non ha raggiunto la Mercedes, ma ora si rompe pure.

Ferrari scontro

Cina, le Rosse in autoscontro

Incredibile quello che succede al via: Vettel e Raikkonen si fanno male a vicenda in Cina. Il secondo chiude anzitempo la gara, il tedesco è autore di una bellissima rimonta che lo porterà sul podio, al secondo posto, dietro al solito Nico Rosberg. Una volta tanto una Freccia d’Argento non c’è sul podio, con Hamilton che, in Mercedes, pare questa volta avere il ruolo di comprimario. In Cina finisce infatti addirittura settimo.

Vettel, dopo la fine del Gp, andrà a strigliare Kyvat, secondo alla fine, accusato di aver innescato in avvio l’incidente che ha tolto di scena Raikkonen e costretto Vettel a ripartire da molto dietro. La classifica a punti, intanto, è impietosa: Rosberg 75 punti, Hamilton 39, Ricciardo 36, Vettel 33, Raikkonen 28. Quella costruttori fa ancora più riflettere: Mercedes 114 punti, Ferrari 61.

Podio Sochi 2016

Sochi, la Ferrari dov’è?

A Sochi la Ferrari arriva con la voglia di spaccare e con tante novità (power unit e aerodinamica) che dovrebbero portarla ad assottigliare il margine dalle Mercedes. Nelle libere, però, si rende necessario modificare il cambio di Vettel che, quindi, pur secondo dopo le prove ufficiali, è costretto a partire dalla settima posizione in griglia. E il tedesco, in gara, è vittima dell’incoscienza di Kyvat dopo pochissimo. Di Raikkonen già abbiamo detto: finisce terzo, non dando mai la sensazione di poter o voler attaccare le due battistrada targate Mercedes. Rosberg primo, Hamilton secondo. Con il muretto Mercedes che ormai pare aver già deciso a chi dare la precedenza tra i due per il titolo.

Del resto, il campione del mondo ha già 43 punti di ritardo da Nico. Mentre Vettel è uscito in due gare su quattro e, a sorpresa, in classifica si trova dietro al suo compagno di squadra. Ma pensare a una battaglia tra i due ferraristi è come immaginare una guerra tra poveri per il terzo gradino del podio, l’obiettivo massimo a cui pare poter puntare Maranello quest’anno.

SIMILAR ARTICLES