Alle ore 15 di domenica 18 gennaio si gioca Chievo-Fiorentina. Quella che sulla carta sembrerebbe una partita facile per la Fiorentina, mette la parola “fine” al girone d’andata di questa stagione. I viola vorrebbero chiudere in bellezza con 3 punti fondamentali per rimanere sul treno che porta all’Europa. La bella, anche se sofferta, vittoria contro il Palermo e l’arrivo di Alessandro Diamanti hanno caricato la squadra, che sembra sempre più determinata ad arrotondare i punti in classifica.

Oltre al risultato, l’ultima gara casalinga ha dimostrato che alcuni punti fermi della rosa sono in piena forma: Borja Valero e capitan Pasqual hanno fornito una grandissima prova, arricchita dalle prestazioni altrettanto ottime di Joaquin e Cuadrado. La formazione sarà quindi, molto probabilmente, la stessa. L’unico cambiamento sicuro avverrà in difesa, dove tornerà il titolarissimo Gonzalo Rodriguez. Non ci sarà invece Stefan Savic, che deve ancora scontare tre delle quattro giornate di squalifica arrivate in seguito alla doppia espulsione nella partita di Parma.  A questo proposito, la Fiorentina ha presentato un ricorso, nel tentativo di ridurre la sanzione a tre giornate. I precedenti in casa dei gialloblù sono buoni: un pareggio e una vittoria con una bella doppietta di Cuadrado. Gli aspetti positivi sono quindi numerosi, ma le difficoltà non mancheranno.

La condizione di Mario Gomez continua a lasciare delle perplessità. L’ex Bayern Monaco sembra essere stato colpito da un enorme carico di sfortuna, che non riesce a togliersi di dosso.  Eppure il tedesco era riuscito finalmente a sbloccarsi con un bel gol a Cagliari, ma a quanto pare non è bastato a ridargli fiducia nelle proprie capacità.  Dopo il rigore fallito a Parma e il gol mancato a (quasi) porta vuota contro il Palermo, questa partita potrebbe essere decisiva per il suo morale e per le decisioni di mister Montella. Il posto da centravanti titolare, che sembrava assicurato, inizia a traballare. E con il ritorno di Babacar potrebbe cedere del tutto. Attenzione anche ai diffidati: difficilmente Tomovic e Aquilani rischieranno, rimanendo in panchina ma Alonso e soprattutto Pizarro, dovranno essere molto cauti in vista della partita del 25 gennaio contro la Roma.

Per quanto riguarda la squadra allenata da Maran, questa sarà una partita importantissima. Infatti, i clivensi si trovano a soli 3 punti dalla zona retrocessione con una media di un solo punto a partita (18 punti in 18 partite).  Il Chievo viene da tre risultati utili consecutivi. Dopo la vittoria nel derby, hanno messo a segno due pareggi e sperano di poter continuare su questa striscia sapendo che l’Empoli,  ugualmente a 18 punti, dovrà affrontare un’Inter che si è nettamente rinforzata durante l’ultima sessione di mercato. Il morale è sotto pressione, ma la carica non manca. L’ultima partita, che sembrava ormai persa, ma che poi è stata pareggiata allo scadere dei 90 minuti, è servita alla squadra per tenere viva la speranza di risalire sullo scalino della zona salvezza.

Il Bentegodi sarà quindi l’arma in più del Chievo, anche se i tifosi fiorentini accorrono sempre numerosi alle trasferte e si faranno certamente sentire. Sui lati opposti della classifica, entrambe le squadre lottano per obiettivi importanti. Si preannuncia dunque una partita carica di emozioni e del tutto imprevedibile. Ci sarà, questo è certo, da divertirsi.


Articolo scritto da Katherine Butazzi per la rubrica #giornalistaviola.

Vuoi partecipare all’iniziativa? Seguici su Facebook: ogni settimana chiederemo ad uno di voi di scrivere il pezzo di presentazione del match della Fiorentina!