La Milano del basket non c’è più. Eliminata in semifinale da Trento, alza bandiera bianca anche in campionato, dopo averlo fatto da tempo in Europa. La Milano del basket si adegua alla mediocrità della Milano del calcio, colorando la stagione sportiva della metropoli di nero nerissimo.

Il fallimento è di tutti, nella pallacanestro meneghina. L’ultimo posto nel girone di Eurolega e l’amara eliminazione nei play off scudetto fanno pendere la bilancia in negativo, nonostante i due trofei portati a casa, la Coppa Italia e la Supercoppa. La stagione era iniziata con ben altre prospettive per le scarpette rosse marchiate Armani.

Lo sport poi è crudele, quindi il primo a pagare sarà l’uomo della panchina, ossia Jasmin Repesa. Che avrebbe ancora un anno di contratto, ma che se ne andrà senza troppo strepitare (e pretendere). L’allenatore croato ha fallito, non è riuscito mai ad amalgamare il materiale umano di tutto rispetto che aveva. La crisi dell’Olimpia, però, va al di là del coach. E rischia di mangiarsi, come un tarlo, anche la Società stessa. I tifosi, al Forum, hanno chiesto la testa del presidente Livio Proli (secondo le ultime notizie, però, rimarrà), ma è chiaro che pure il proprietario Giorgio Armani potrebbe farsi prendere da malinconia e dubbi sul suo futuro (anche in questo caso, nei corridoi, si sussurra che l’amore per il basket e per Milano prevarranno).

Jasmin Repesa

Tornando a Repesa, non gli si può non riconoscere di essere l’allenatore più vincente degli ultimi 20 anni del basket Milano (in due stagioni uno scudetto, due Coppe Italia e una Supercoppa). Ma se ne andrà e il prossimo tecnico sarà italiano: si fanno i nomi di Trinchieri (che in Germania, alla guida del Bamberg, si sta giocando lo scudetto), Buscaglia (l’uomo di Trento, l’ammazza Milano), Simone Pianigiani (che ha un altro anno di contratto con Gerusalemme). Difficile che arrivi un altro straniero lungo i Navigli, anche se sono sotto osservazione Blatt, Plaza, Sito Alonso e Jasikevicius. Potrebbe abbandonare la nave pure il general manager Flavio Portaluppi, anche lui contestato dal pubblico.

Naturalmente cambierà il roster. Ma Milano vuole italianizzarsi, forse perché il blocco italiano può avere più a cuore le sorti di un club come quello lombardo. Non ci sarà Gentile (pur avendo un contratto fino al 2018 e a meno di colpi di scena), e questo si sa, ma rimarranno Awudu Abass, Simone Fontecchio, Andrea Cinciarini, Bruno Cerella e Davide Pascolo. Resteranno Simon e forse Kalnietis, si tratterà per prolungare l’accordo di Tarczewski. Via invece Raduljica e, uno dopo l’altro, pure Hickman, Sanders (verso il Fenerbahce). McLean ha ricevuto offerte economiche più alte. Al posto di Macvan dovrebbe arrivare da Brindisi M’Baye. Dragic ha un contratto con troppi zeri per poter rimanere e poi, con l’addio di Repesa, lo seguirà al 90 per cento. La soluzione interna, per la panchina, potrebbe promuovere il secondo Massimo Cancellieri.

Ale Gentile

Il progetto ambizioso di Milano è finito nel cestino. Si puntava a confermarsi in Italia, ma pure a fare strada in Eurolega. Un discorso a sé merita Alessandro Gentile. Dal primo luglio tornerò a essere a tutti gli effetti un giocatore Olimpia, ma per quanto? L’America è una tentazione troppo forte. A Milano Ale è amato ancora oggi, nonostante l’addio burrascoso e improvviso dell’ultima stagione. Il figlio d’arte potrebbe essere attratto da un big europea, oppure puntare sulla voglia di rilancio di una Società che, se non altro, non ha problemi di budget.

Certo, dopo gli anni di dominio di Siena, Milano aveva illuso riconquistando dopo 18 anni il titolo. Un nuovo ciclo? Perché no? Armani e gli altri ci hanno messo il cuore e il portafogli, ma qualcosa non ha funzionato. E invece, anche il patron ora è sotto accusa. Intendiamoci, senza di lui, Milano sarebbe scomparsa dal panorama cestistico italiano. I 27 titoli sarebbero rimasti un lontano ricordo. Ma, attenzione, da quando lo stilista entrò in Società – stagione 2004-2005 – i trofei vinti sono stati soltanto cinque. E qui i paragoni con il calcio si possono fare eccome, più con l’Inter che con il Milan. Armani si è circondato di persone probabilmente non così capaci – da Proli a Portaluppi – proprio come fece Massimo Moratti quando era presidente dell’Inter. La passione dei due – uno sempre al palazzetto, l’altro allo stadio – non è bastata. I soldi messi sul tavolo neanche. Anche se poi il petroliere i suoi successi li ha ottenuti, mentre lo stilista ha dovuto attendere tanti anni per veder di nuovo sollevare un trofeo. E, quando pensava ormai di poter riportare l’Olimpia pure in una dimensione europea di altissimo livello, si è ritrovato nudo. Senza l’Eurolega (con l’illusione del 2013/2014), senza il campionato.

Reyer Umana Venezia v Olimpia EA7 - Playoff Semifinal Game 6

Di potenziali crack ne sono arrivati al Forum: Drew Nicholas, Antonis Fotsis, Omar Cook, Lynn Greer, Stefano Mancinelli, Marijonas Petravicius, Jonas Maciulis, Richard Hendrix, Shawn James, Linas Kleiza, Miroslav Raduljica, Ricky Hickman, Zoran Dragic. Qualcuno ha dato spettacolo, qualcuno ha vinto qualcosa. Poco rispetto al budget e alle ambizioni. Ecco perché ci sarà una rivoluzione a Milano.

ARTICOLI SIMILI

0 433