È tuttora il torneo dei campioni del mondo e lo sarà sicuramente fino al 2018. È stata infatti la Germania ad aggiudicarsi i Mondiali brasiliani del 2014, dopo aver umiliato proprio i padroni di casa in semifinale, rifilando sette gol a Neymar e compagni. La Bundesliga macina incassi e attira sempre più campioni, ma i club tedeschi sono anche capaci di sfornare giovani interessanti e di farli giocare pure a 17-18 anni. Cosa che non capita in Italia, dove il giovane viene mandato in prestito nelle serie minori o fa panchina. Diamo un’occhiata ai dieci motivi che dovrebbero spingere il pubblico a seguire da vicino il campionato tedesco.

STADI SEMPRE PIENI

Nella scorsa stagione, il 97,57% degli stadi ha fatto registrare il tutto esaurito (contro il 91,64% dell’anno precedente). È il miglior campionato europeo da questo punto di vista. I sold out sono passati, in Bundesliga, da 122 a 129. Pure le squadre più piccole fanno registrare pienoni: prendete il Friburgo, che ha avuto il 99,38% di percentuale di riempimento, dietro solo a Bayern Monaco e a Borussia Dortmund.


BAYERN DA RECORD

Seguiremo con pathos il tentativo del Bayern Monaco di superare se stesso. Il 22 febbraio scorso, a Paderborn, i bavaresi hanno tagliato il traguardo di 275 partite consecutive in Bundesliga con il tutto esaurito. A fine campionato, sono arrivati a 289. E si presume continueranno. La squadra che domina da tre anni consecutivi il campionato di calcio tedesco si è infatti ulteriormente rinforzata e fa sognare i tifosi. Il poker non è così lontano. Anzi, per i bookmaker è praticamente scontato. E gli stadi si riempiono.


VIDAL E DOUGLAS COSTA

Il Bayern Monaco punta al quarto titolo consecutivo. Forte degli investimenti fatti anche questa estate. Sono arrivati infatti Vidal (dalla Juventus per 40 milioni) e il brasiliano Douglas Costa dallo Shakthar. Secondo il commissario tecnico della Nazionale tedesca, Löw, la qualità dei bavaresi è senza precedenti. Curiosità per il ritorno in Bundes del cileno Vidal, dopo gli anni italiani e la crescita costante di rendimento.

Karlsruhe Douglas Costa FC Bayern Muenchen FC Noettingen vs FC Bayern Muenchen Fussball DFB Pok


ORFANI DI SCHWEINSTEIGER

È vero, la Bundesliga ha perso uno dei volti più noti. Per 18 milioni di euro, infatti, il Bayern ha ceduto al Manchester United Bastian Schweinsteiger. A 31 anni, il centrocampista biondo lascia la squadra dove è arrivato nel 1998, a 17 anni, con questo palmarès: 8 Bundesliga, 7 Coppe di Germania, 2 Coppe di Lega, 2 Supercoppe di Germania, 1 Champions League, 2 Supercoppe Europee, 1 Mondiale per Club.


PEP, ULTIMO ATTO

A pesare sul Bayern Monaco potrebbe esserci solo un sassolino: si vocifera che questo sia l’ultimo anno di Pep Guardiola alla guida dei bavaresi. In realtà, nonostante i titoli vinti, non è mai sbocciato davvero l’amore tra la Germania e l’allenatore spagnolo. E le sirene estere lo chiamano a gran voce. Questo è l’ultimo anno di contratto: se i giocatori sapessero già che non rinnoverà, potrebbero dare di meno. Se invece a Monaco di Baviera dovesse arrivare la Champions League, anche il contratto di Pep potrebbe prolungarsi.


NOVITÀ DORTMUND

Dopo la peggiore stagione delle ultime, il Borussia Dortmund ha deciso che era finito un ciclo. Perlomeno in panchina. L’allenatore dei miracoli, Jurgen Klopp, ha detto addio. Sette anni di bel gioco, applausi e successi. Ora è tempo di Thomas Tuchel, giovane anche lui, proveniente dal Magonza. Avrà a disposizione una rosa non dissimile da quella dell’ultima stagione. Con in più il portiere Roman Burki, che tanto bene ha fatto nel Friburgo, e Gonzalo Castro dal Bayer Leverkusen. È partito, invece, Ciro Immobile, direzione Siviglia.


ATTENTI AL LEVERKUSEN

Proverà a insidiare i campioni di Germania il Bayer Leverkusen. Dopo il miracolo col Salisburgo, in panchina c’è Roger Schmidt. Si chiedono ancora una volta i gol a Kiessling, mentre il giocatore di maggiore qualità è Hakan Calhanoglu. È l’avversario della Lazio nei preliminari di Champions League e l’eventuale passaggio del turno potrebbe dare entusiasmo a una squadra che forse è ancora incompleta.

Leverkusen Fussball Freundschaftsspiel Testspiel Bayer 04 Leverkusen vs Chievo Verona 01 08 2015


NON C’È DUE… SENZA TRE?

Ad Amburgo sperano che il detto non sia vero. Da due anni, infatti, la squadra si salva dalla retrocessione solo allo spareggio di fine anno. Due anni deludenti, naturalmente, per una squadra che – soprattutto negli anni Ottanta – era abituata a stare nell’élite del calcio tedesco. I tifosi sperano di soffrire meno.


WOLFSBURG, LO SFIDANTE

La vera sfidante del Bayern Monaco è il Wolfsburg, secondo l’anno scorso e con il passaporto per la Champions League. Qui le cose le stanno facendo molto sul serio, tanto è vero che finora hanno resistito alle avance dell’Inter per Perisic, il giocatore che potrebbe far fare al club nerazzurro (o a quello biancoverde, qualora rimanesse) il salto di qualità ultimo e decisivo. È arrivato pure l’attaccante Max Kruse.


LE NEOPROMOSSE

Tanta curiosità intorno alle due neopromosse, ovvero DarmstadtIngolstadt. Löw, anticipando i temi della stagione, ha detto di essere pronto a scommettere sui primi che, seppure con un budget limitato, hanno fatto operazioni di mercato interessanti. Pure l’Ingolstadt potrebbe dire la sua in campionato, senza fare subito dietrofront verso la Bundesliga 2.

ARTICOLI SIMILI