Il prossimo 6 giugno prendono il via, in Canada, i Mondiali di calcio femminile. Una manifestazione lunga un mese, come per l’edizione maschile e che si preannuncia particolarmente combattuta, in virtù di un livello cresciuto vertiginosamente rispetto alle precedenti edizioni. Passiamo in rassegna, dunque, tutto quello c’è da sapere sul principale evento del football in rosa.

NUMERO DI SQUADRE

Per l’edizione 2015 le squadre sono 24, otto in più rispetto alle precedenti. Sono suddivise in sei gironi e in sede di sorteggio è stato previsto che nazioni appartenenti allo stesso continente non potessero finire nello stesso raggruppamento, ad eccezione delle europee.

I GIRONI

Girone A: Canada, Cina, Nuova Zelanda, Olanda
Girone B: Germania, Costa d’Avorio, Norvegia, Thailandia
Girone C: Giappone, Svizzera, Camerun, Ecuador
Girone D: Stati Uniti, Australia, Svezia, Nigeria
Girone E: Brasile, Corea del Sud, Spagna, Costa Rica
Girone F: Francia, Inghilterra, Colombia, Messico

LE SEDI

Si giocherà a Vancouver, Edmonton, Winnipeg, Ottawa, Montreal e Moncton in stadi con una capienza che oscilla tra i 20mila scarsi del Moncton Stadium e gli oltre 66mila dell’Olimpico di Montreal.

I TERRENI DI GIOCO

Per la prima volta nella storia della manifestazione, la Fifa ha scelto di far disputare l’intero torneo su campi sintetici. Una decisione che ha spinto alcune giocatrici a far causa al massimo organismo mondiale accusandolo di discriminazione, rispetto ai tornei degli uomini. Il sintetico, infatti, renderebbe diversi rimbalzi e traiettorie, oltre a mettere a rischio maggiore di infortuni le atlete.

LE TESTE DI SERIE

Le nazioni scelte sono: Germania, Giappone, Stati Uniti, Brasile e Francia, con l’aggiunta del Canada, paese ospitante. Hanno fatto molto discutere le scelte di inserirne una per girone e soprattutto l’esclusione della Svezia dal novero delle formazioni più forti.

ITALIA

Trediscesima nel ranking Fifa ha mancato di un soffio la qualificazione alla fase finale perdendo i play off con l’Olanda.

LE FAVORITE

Gli Stati Uniti vincitori delle edizioni del 1991 e 1999 sembrano essere i favoriti, a condizione però che passino il loro raggruppamento, all’unanimità considerato il più impegnativo. Attenzione, però, alla Svezia e anche alla Germania.

LE PRECEDENTI EDIZIONI

Le ultime tre edizioni del 2011, 2007 e 2003 sono state vinte dalla Germania rispettivamente ai rigori (contro gli Stati Uniti), nei tempi regolamentari (contro il Brasile) e con golden goal ai supplementari (sulla Svezia). Nel 1995 l’ha spuntata la Norvegia (2-0 alla Germania), in mezzo ai due successi statunitensi.

OLIMPIADI

Dal risultato dei Mondiali dipenderanno anche le prossime rappresentanti europee alle Olimpiadi in Brasile

VIDEOGIOCO

La EA Sports ha di recente annunciato che nel prossimo FIFA 16 ci saranno, per la prima volta, anche 12 nazionali femminili. Queste le squadre comprese: Australia, Brasile, Canada, Cina, Inghilterra, Italia, Francia, Germania, Messico, Spagna, Svezia e Stati Uniti.

ARTICOLI SIMILI